Stampa

           

Comunicato stampa

Croce Rossa Italiana, intesa sul contratto integrativo: salario accessorio assicurato per il 2012-2013

 

Salario accessorio senza brutte sorprese per gli operatori della Croce Rossa Italiana: ieri sera i sindacati di categoria di Cgil Cisl Uil e Cisal hanno infatti sottoscritto con l’ente l’accordo sul contratto integrativo per gli anni 2012 e 2013.

Un risultato tanto più soddisfacente perché tutt’altro che scontato. Rispetto alla proposta iniziale della parte datoriale, infatti, il fondo destinato alla contrattazione integrativa è stato aumentato in misura tale da garantire per il 2012 un valore medio pro capite della retribuzione accessoria sostanzialmente agli stessi livelli del 2011, sia per il personale a tempo determinato che per quello a tempo indeterminato. Merito della ferma presa di posizione dei sindacati – sottolineano Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Pa e Fialp-Cisal – che ha convinto i vertici della Croce rossa a reintrodurre nella costituzione del fondo le quote relative alle convenzioni di cui alla legge 449/97, vale a dire gli introiti derivanti da accordi di servizio o sponsorizzazione con enti pubblici e privati.

Stessa quota di risorse - fatte salve le verifiche da effettuare su cessazioni dal servizio e introito delle convenzioni –  si prevede anche per il 2013, con in più una novità positiva per  tutti gli autisti soccorritori non percettori di indennità ai quali verrà esteso il sistema indennitario. In questo modo, anche il personale a tempo determinato potrà accedere ad una parte rilevante del sistema indennitario in vigore nell’Ente.

Accolta infine da parte della CRI un’altra importante richiesta avanzata dai sindacati: lo statuto della Croce rossa, nella nuova veste giuridica di associazione di diritto privato sarà modificato nelle parti che riguardano la determinazione del  CCNL di riferimento e i fabbisogni di personale, inserendo su entrambi gli argomenti la previsione per legge di tavoli di confronto sindacale. Sempre riguardo al processo di riordino, il presidente della CRI si è impegnato a convocare i sindacati per un incontro specifico all’inizio di settembre.

 

Roma, 18 luglio 2013